ASCI - ESPLORATORI E GUIDE D’ITALIA
castorini
coccinelle - lupetti
esploratori - guide
rover - scolte
capi
foulard blanc
IL METODO SCOUT
Area riservata
Seguici su
FOULARD BLANC
CHI SONO I FOULARD BLANC?
E LUNGO QUELLA STRADA
NON CI LASCIARE TU
NEL VOLTO DI CHI SOFFRE
FACC’INCONTRARE GESÙ.

I Foulard Blanc non sono un'Associazione ma una Comunit� scout di fede e servizio.
Nel 1858 la Vergine apparve, a Lourdes, alla piccola Bernadette Soubirous, nel 1907 Baden Powell cre� lo Scoutismo che presto, dall'Inghilterra, si diffuse in Europa e nel mondo.
Nel 1920 nacquero gli "Scouts de France" fondati da Padre Jacques Sevin e dall'Abate Antoine Louis Cornette.
Nel 1922 si ebbero i primi scouts a fare servizio nel Mondo della Sofferenza, sia a Beck con un riparto M.T., ragazzi handicappati, sia a Lourdes per aiutare i pellegrini ammalati che si recavano in pellegrinaggio.
Gli scouts cominciarono ad essere presenti, a Lourdes sempre in numero maggiore ed il Capo-Scout degli Scout de France, comprendendo l'alto valore educativo del servizio, nomin� il Commissario Generale dell'Associazione, Eduard de Macedo, a curare questa attivit� creando un "Riparto d'Onore 1ere Lourdes dell'Immacolata Concezione" che raccogliesse tuti gli scout che, con assiduit� negli anni, servissero gli ammalati a Lourdes, unendoli con un unico foulard.
I primi foulard furono chiesti alle suore dell'ospedale, che, non avendo stoffa, utilizzarono vecchi lenzuoli bianchi, la cosa piacque ad Eduardo de Macedo perch� il bianco era il colore della Vergine. Era nato il Foulard Blanc.
Nel 1947 il Riparto 1ere Lourdes divenne "Clan de Hospitaliers Notre Dame de Lourdes" sotto la guida di Jacques Astruc ed indirizzato a Capi e Rovers. Nel 1958/9 la guida del Clan pass� a Xavier de Montecler ed assistente fu l'Abb� Pierre Jouandet.
A fondamento del Clan era stato posto il principio che fosse una Comunit� Scout di fede e servizio, successivamente, fu creato il Fuoco sugli stessi principi.
Fino alla met� degli anni Cinquanta il clan era formato solo da scouts francesi, Jacques Astruc e l'Abb� Jouandet avendo notato che molti capi, rovers e scolte arrivavano, a Lourdes, da tutti i paesi europei e, molti di questi, ritornavano con cadenza annuale si prodigarono affinch� il clan fosse aperto anche alla loro adesione.
Il Clan diveniva internazionale pur rimanendo, associativamente francese, infatti gli scouts delle altre nazioni, come Foulard Blancs, venivano censiti dagli Scouts de France con una tessera che recava la firma del Capo-Clan e del Presidente dell'Hospitalit� Notre Dame de Lourdes a dimostrazione dell'apprezzamento che si aveva del servizio svolto dai Foulards Blancs.
Questo fino al 1968 quando la rivolta giovanile, una riforma degli Scouts de France, port� al distacco tra l'Hospitalit� e gli scouts. I rapporti vennero ristabiliti, dopo alcuni anni, per il lavoro fattivo dei Foulards Blancs italiani. Nella seconda met� degli anni cinquanta iniziarono a formarsi Clan nazionali, per meglio collegarsi nelle rispettive nazioni, su delega del Capo-Clan internazionale che apparteneva solo agli Scouts de France.

Nel 1958 nacque la Comunit� Italiana che ebbe come Capo-Clan nazionale Luciano Ferrarsi, mitico capo ASCI del Torino XXIV che deleg� per il Sud Italia Giuseppe Gioia.
Questa � un poco la genesi dei Foulards Blancs che ora sono indipendenti, come comunit� nazionali, l'una dalle altre, pur avendo quasi tutto in comune come principi e cerimonie.

Ma, allora, come si presentano e cosa si propongono i Foulards Blancs?
Essi sono capi, rovers, scolte che scelgono, volontariamente ed individualmente, di servire nel Mondo della Sofferenza.
Considerando che l'ammalato � una persona nella sua pienezza e dignit� di diritti e di doveri come ciascuna altra persona sana, senza fare alcuna distinzione di religione, razza, sesso e ceto perch� tutti fratelli in Cristo.
Ogni persona vale per quello che �, non per quello che produce.
Nella persona sofferente il Foulard Blanc vede il volto di Cristo e chiede alla Vergine di Lourdes l'intercessione presso Dio di aiutarlo ad essere sempre pronto, entusiasta e felice di servire con umilt�, senza apparire, senza inorgoglirsi, in ogni occasione ed in tutti i giorni della vita.
È un impegno oneroso che si prende con la Promessa del Foulard Bianco, fatta a Lourdes, ai piedi della Vergine, chiamandola, quasi a testimone della scelta di servizio permanente fatta e che dura tutta la vita anche se si esce dal mondo scout.
Per tale ragione i Foulards Blancs, in servizio, indossano l'uniforme della propria associazione anche se non vi appartengono pi�.
È una promessa fatta da adulti scouts che hanno preso la Partenza.
Per decidere se impegnarsi definitivamente o meno bisogna essere scouts che hanno fatto la Promessa nelle Associazioni di provenienza e che al momento della domanda sino alla Promessa vi facciano parte integrante, essere convinti cattolici ed informare la propria vita ai principi scout.
Vi sono tre momenti nella vita del Clan des Hospitaliers, dopo la domanda di adesione: il postulantato in cui si chiede la scelta di ritornare in servizio a Lourdes, dopo tre servizi annuali si passa al Noviziato in cui si approfondisce la spiritualit� ed i Misteri di Lourdes e tutte le ragioni che portano a diventare, permanentemente, Foulards Blancs per arrivare, dopo tre anni, all'Impegno permanente con la Promessa F.B. fatta a Lourdes.
Questo in breve, molto concisamente, spiega chi sono i Foulards Blancs che, fratelli scouts non fanno della scelta, volontaria e personale, distinzione di appartenenza a questa o quella Associazione ma solo ad una scelta comune di Servizio.
PREGHIERA DEL FOULARD BLANC

Dammi Signore,
quel che Ti rimane.
Dammi Signore
quello che non Ti si chiede Mai.
Non Ti chiedo il riposo
n� la tranquillit�
non Ti chiedo la ricchezza
n� il successo
neanche la salute.
Tutto questo Dio Mio
Te lo chiedono talmente
che non ne avrai talmente pi�..
Voglio servire la Madonna di Lourdes.
Voglio servire gli ammalati,
e i pellegrini,
con pazienza, carit�,
ed il sorriso.
Dammi quello Signore,
definitivamente.
Ch'io sia sicuro
di servire per lungo tempo
poich� non oser� chiedertelo
forse sempre.
Dammi Mio Dio,
quello che Ti rimane:
dammi
ci� che gli altri non Ti chiedono.
Ma sopratutto
dammi il coraggio
e fortifica la mia fede.
▲ Top
© 2011 esploratori e guide d’Italia - tutti i diritti riservati - all rights reserved